07 febbraio 2017

Dopo l’avvio di successo della rassegna “In altri versi”, dedicata alla poesia, la Biblioteca Civica riprende Autori e Storie, altro ciclo tradizionale di incontri dedicato alla narrativa, arricchito quest’anno da una sezione dedicata alla tesi di laurea.

Primo appuntamento in occasione del “Giorno del Ricordo” dedicato alla memoria delle foibe e dell’esodo istro-dalmata, l’8 Febbraio alle 17.30 nello spazio di Angolibero in Biblioteca. Sarà Silvia Tonolo, giovane sandonatese ad aprire la rassegna, presentando la tesi “Gli echi e il ricordo: la memoria narrativa di Nelida Milani” con l’esecuzione di alcuni brani dei Sinenomine Ensemble con Svetlana Novikova. La scrittrice Nelida Milani è nata in Istria dove è cresciuta nel periodo del secondo dopoguerra e dove è rimasta, vivendo a Pola. E’ quindi una dei pochi italiani “rimasti”, vivendo sulla propria pelle i continui processi di trasformazione che, lentamente hanno modificato le abitudini e le vite della gente istriana.

«La biblioteca civica si sta sempre più qualificando come uno degli attrattori culturali della città, attraverso eventi costanti dedicati alla promozione della poesia e della letteratura, coinvolgendo vari autori non solo del territorio» così l’assessore alla cultura Chiara Polita «lo spazio Angolibero creato al suo interno sta crescendo come luogo dell’immaginazione civica e della partecipazione, grazie ad iniziative condivise con la cittadinanza, scrittori, musicisti e associazioni, anche attraverso la contaminazione di esperienze divese, tra parole e musica. Ringrazio quindi la biblioteca per il prezioso lavoro che sta svolgendo e tutti coloro che stanno condividendo questo affascinante viaggio con un contributo attivo di entusiasmo e di idee.»

La rassegna proseguirà il 2 Marzo con Roberto Tonolo e il suo “Baby boomer. Un ragazzetto veneto negli anni del boom economico”, il 17 Marzo con Ivano Artioli e “Il fotografo di Via Baccherini”, in collaborazione con il Centro Studi “A.Mori” e l’ANPI Provinciale di Venezia e di San Donà di Piave, il 6 Aprile con Tamara Senchuk e “Una capra e due pagnotte. Racconti della memoria ucraina e dell’Holodomor, genocidio ordinato da Stalin”, per chiudere il 4 Maggio con Carla Menon e “La maledizione dell’artista”.